Alcuni fattori che incidono sul posizionamento di un sito web

Chi ha un sito web che utilizza per scopi aziendali o commerciali ha tutto l’interesse nel vedere il suo sito ben posizionato. Un sito web caratterizzato da un buon ranking sui motori di ricerca garantisce un ottimo flusso di traffico in entrata, flusso che se ben gestito può trasformarsi in ottimi contatti commerciali con i prospect. Attualmente Google, il gigante in materia di motori di ricerca che detta legge intorno a tutto quello che ruota intorno al posizionamento organico e no, ha definito oltre 250 fatturi che vanno ad incidere sul posizionamento di un sito. Un buon consulente seo può andare a valutare la situazione SEO di partenza del vostro sito, individuando eventuali criticità e predisponendo una valida road map per portare un sito in una buona posizione nelle serp del motore di ricerca, rendendolo quanto più possibile Google Friendly. In questo articoli vedremo alcuni fattori su cui è fondamentare iniziare a lavorare dal punto di visa SEO.

Posizionamento di un sito webCominciate a valutare le performance del vostro server e se volete avere buoni risultati non risparmiate sui costi del vostro hosting. Cercate quindi un server che sia stabile e con tempi di risposta rapidi che consenta alle pagine del vostro sito di caricarsi velocemente. Un sito lento infatti, qualora sussistano anche altre criticità seo, tende ad essere penalizzato da Google. Online esistono molti tool per valutare autonomamente la velocità del proprio sito web.

Prestiamo quindi attenzione al nome del dominio. Cerchiamo di registrare un dominio che riesca a coniugare il nome della nostra azienda ad una keyword interessante per il nostro business, il tutto cercando di mantenere il nome dominio più breve e più facile da ricordare possibile. Non dimentichiamo che esistono in commercio tantissime nuove estensioni da sfruttare come il .travel, il . photography e così via.

Continuiamo passando in rassegna il sito internet andando a verificare l’effettiva presenza delle keyword interessanti per il nostro posizionamento all’interno del sito web. Le keyword sono presenti nei metatags del sito e principalmente nel tag title? Abbiamo sfruttato i vari header (h1,h2) per collocare le nostre keyword? Le url alle quali sono raggiungibili le nostre pagine, sono state riscritte per includere le nostre keyword? Dobbiamo fare attenzione che le nostre keyword siano presenti, siano presenti anche in forma di sinonimi e non siano ripetute troppe volte finendo per farci incorrere in problemi di keyword density.

Ed i contenuti come sono? Sono approfonditi? Originali? Aggiornati con frequenza? Utili ed interessanti per il visitatore?

Infine andiamo a valutare i nostri backlink ovvero i siti che linkano il nostro sito. Un sito che non è ben posizionato su Google, o che al peggio è stato penalizzato, può essere caratterizzato da un insieme misero di backlink o da link penalizzanti, dove per link penalizzanti intendiamo provenienti da siti di bassa qualità o siti a loro volta penalizzati. Il compito di un buon seo è, tra gli altri, andare ad eliminare i backlink di scarsa qualità favorendo l’acquisizione di links in entrata da siti di alta qualità e pertinenti al settore considerato.

loading...

One comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Please Do the Math      
 

*